Produrre cibo di valore con l’agricoltura biologica

Il cibo di valore deve essere sostenibile per la terra e per la produzione, deve essere accessibile per tutti e deve avere la storia di come e del perché è stato fatto, una storia che il produttore dovrebbe condividere con l’acquirente, affinché ne conosca il percorso. Questo è quanto ha affermato Andrea Pitton, il protagonista della nuova puntata del podcast Cibo di Valore: Ascoltalo qui.

Andrea è proprietario dell’azienda agricola biologica di Rivegnano in provincia di Udine, dove ha scelto di produrre alimenti e semenze biologiche perché sostiene che i trattamenti convenzionali spesso non danno i risultati promulgati.

Come le mamme dovrebbero fare la spesa nei primi mille giorni di vita dei loro bambini

Chiediamo informazioni sugli alimenti che acquistiamo?

Chiediamoci da dove viene il cibo e come sia stato prodotto. E’ uno dei consigli che ci condivide Andrea da tener presente per la spesa:

  • è importante cercare cosa viene prodotto nelle vicinanze dove viviamo e, ove possibile, avere un proprio orto o farsi aiutarne ad averne uno;
  • i prodotti dovrebbero essere biologici ed arrivare nelle nostre case in giornata o al massimo entro due giorni: per questo è rilevante anche la vicinanza.

Rieduchiamoci ai sapori

I sapori degli alimenti sono importanti per la nostra salute, molti li abbiamo persi. Gli alimenti con poco sapore sono più neutrali e piacciono ad un numero maggiore di persone. Ritroviamo, per esempio, il sapore veramente amaro del radicchio.

Imparando a cucinare, educhiamoci a trasformare i prodotti. Oggi cuciniamo troppo poco, soprattutto gli ortaggi.

Produzione biologica e suolo

Andrea Pitton ha scelto di produrre alimenti e semenze biologiche, perché sostiene che i trattamenti convenzionali spesso non danno i risultati promulgati. Nella sua azienda biologica non fa uso di concimi o pesticidi chimici, la terra viene lavorata con attrezzature meno impattanti sul suolo che non viene mai rivoltato.

Contro l’erosione, vengono seminati erbai, e la massa organica viene mantenuta in superficie, vengono periodicamente lasciate incolte alcune zone affinché l’equilibrio delle coltivazioni non renda necessari i trattamenti impattanti sul terreno, che abbia invece la possibilità e il tempo di predisporsi secondo i suoi criteri: in superficie i batteri che amano l’aria, in profondità quelli che non la amano.

Rovesciare la terra sovverte questo equilibrio, che poi richiede tempo per ripristinarsi. Anche quando mette a dimora la piantine, Andrea usa macchine che non smuovono il terreno oltre i 20 cm di profondità, e non lascia mai “vuoto” il terreno, non lo lascia mai privi di piante. Afferma che gli unici luoghi del nostro pianeta senza vegetazione sono i deserti: il nulla è un sintomo grave della salute del terreno.

Cerchiamo di avere il suolo coperto affinché in estate chi vive nel terreno non muoia, mentre in inverno lo proteggiamo dal freddo e dall’erosione provocata dalla piogge: la terra se ne va, se non l’amiamo!

I cambiamenti climatici impongono un cambiamento anche nei processi di coltivazione

Occorre intervenire anche sui semi, sebbene nel corso di anni si adattano alle condizioni dei luoghi dove sono nati. Pertanto è necessario produrli nei loro luoghi di origine e di coltivazione futura, perché servono anni per produrre semi adatti ai cambiamenti climatici.

La produzione transgenica non risolve, perché richiede un impegno maggiore di pesticidi, motivo per cui è fondamentale lavorare sui semi, molti dei quali già irrimediabilmente ibridati.

Sempre a causa dei cambiamenti climatici, le aziende hanno bisogno di microclimi con temperature di un grado e mezzo inferiori a quelle attuali, cosa che si ottiene piantando alberi che fermano il vento e abbassano le temperature.

Ciascuno di noi dovrebbe ragionare di più sui propri bisogni reali

Andrea ci condivide nel podcast che la terra non ci regala di più del nostro bisogno: dobbiamo accontentarci e spiegarlo al consumatore, abituato ad acquistare ciò che vuole. Ma se è la terra a produrre quello che vuole, siamo noi a doverci adattare a lei e non il contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Categorie

Articoli recenti

archivi

Archivi
contatti-footer

Iscriviti alla nostra newsletter!

Puoi contattarci in qualsiasi momento compilando il form che trovi cliccando qui o scriverci direttamente a info@fondazionecomitans.org

Via Dandolo, 86 Roma

+39 375 6164731
puoi anche chiamarci
dal lunedì al giovedì dalle 8.00 alle 13.00

Iscriviti alla newsletter