Epigenetica, microbioma e salute del bambino

Nell’ultimo decennio la ricerca ha mostrato che, anche senza apportare direttamente modifiche alla sequenza del DNA, si può cambiare il comportamento dei geni, tramite alterazioni che avvengono attorno al DNA stesso. Queste alterazioni sono stimolate da fattori ambientali e agiscono attraverso l’attivazione o l’inibizione di geni. Si tratta di processi epigenetici (epigenetica=sopra/accanto alla genetica). Il nuovo concetto dell’epigenetica ha cambiato un paradigma importante, mostrando che il DNA è vulnerabile, modificabile da fattori ambientali, e che tali modifiche possono essere durature e addirittura possono essere trasmesse alle successive generazioni.

Già durante il periodo periconcezionale (da 1 mese prima del concepimento fino al terzo mese di gravidanza) vari fattori ambientali ai quali è esposta la mamma, tra cui quelli nutrizionali, possono avere un impatto sull’epigenoma del bambino nell’utero. Appena 48 ore dopo la fertilizzazione avvengono i primi processi di “rimodellamento” del DNA ereditato dalla mamma e dal papà, attraverso reazioni di eliminazione e di riformazione delle alterazioni epigenetiche.

Un altro importante, nuovo aspetto dell’essere umano è stato studiato negli ultimi dieci anni: il microbioma intestinale. Si tratta della totalità dei microorganismi, batteri, virus e funghi, compreso il loro patrimonio genetico collettivo, presenti nel tratto gastrointestinale: 100 trilioni di microorganismi, che codificano 3 milioni di geni (il genoma umano consiste di “solo” 23.000 geni) e producono migliaia di metaboliti che influenzano la salute e il benessere dell’ospite, ossia noi.

Come le impronte digitali, il microbioma è unico per ogni individuo.

Pur non sapendo ancora bene cosa costituisca un microbioma sano, i ricercatori sono certi che la presenza di un’ampia varietà di microorganismi contribuisca al benessere, mentre una bassa diversità è collegata a uno stato di salute negativo. Nel bambino la diversità del microbioma aumenta dal giorno 0 fino al giorno 1000 di vita, raggiungendo un picco tra gli uno e i tre anni, e rimanendo poi generalmente stabile per il resto della vita. Anche in questo caso i primi 1000 giorni rappresentano una importante opportunità di azione privilegiando, quando possibile, un parto naturale e intervenendo sulla nutrizione materna, neonatale e infantile.

Oggi si sa che le funzioni immunitarie e metaboliche sono influenzate dal microbioma, ma ulteriori ricerche sono necessarie per capire come avvengono perturbazioni nello sviluppo di un microbioma normale e come queste perturbazioni siano associate a malattie, spesso croniche per esempio fibrosi cistica, asma, allergie, obesità, diabete etc.

Sicuramente però una dieta altamente diversificata e sana influenza positivamente la diversità del microbioma, ponendo le basi per una vita in salute e benessere. E poiché bambini sani nascono da mamme sane, è importante mettere ambedue al centro del nostro progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Articoli recenti

archivi

Archivi

Iscriviti alla newsletter

Giorgio, volontario CARITAS

Mi chiamo Giorgio, ho 75 anni. Vengo alla Caritas da circa 2 anni perché sono un pensionato e ho del tempo a disposizione. Mi piace occuparmi di mettere in ordine i prodotti che arrivano e fare in modo che tutto funzioni. Si rivolgono a noi tante donne, non solo straniere. Forse ultimamente devo dire che le italiane mi sembrano aumentate. Mi piace essere cordiale, far sentire le persone a proprio agio. Prima non mi preoccupavo molto di cosa le persone si portassero via, perché ho sempre pensato che era bello che potessero andare via con il sacchetto pieno. Solo ora, da quando Fondazione Comitans ci ha chiesto di usare l’app Nutridono per comporre i pacchi, ci sto davvero guardando dentro. Mi sto rendendo conto che il “cibo spazzatura”, quello per intenderci che tutti dovremmo limitare per rimanere in salute, qui da noi invece abbonda. Io non mi sono mai chiesto perché e adesso invece sono disorientato. Prima ero felice di fare del bene, adesso sono un po’ frustrato perché mi accorgo che non è un bene completo, che si potrebbe fare di più.

Angela e l’emporio solidale

Mi chiamo Angela, vivo a Roma nel quartiere Tor Bella Monaca. Ho due figli, Andrea di 10 anni e Luca di 1. Mio marito ha un lavoro saltuario, fa il muratore in una ditta che lo chiama quando c’è bisogno e io faccio le pulizie tutte le mattine da una signora alla Garbatella. Purtroppo con tutte le spese, l’affitto e il costo della vita, spesso alla fine del mese i soldi sono finiti e sono costretta a rivolgermi alla Caritas. All’inizio mi vergognavo molto, ma il bene dei miei figli mi ha fatto andare oltre. All’emporio solidale poi è come fare la spesa in un piccolo supermercato, solo che al posto che pagare con i soldi uso una tessera a punti. È meno umiliante di una mensa e non mi fa sentire tanto diversa da una mamma che va a fare la spesa. Andrea si diverte molto a capire con i punti che abbiamo a disposizione che cosa riusciamo a prendere dagli scaffali. Merendine e biscotti, quelli sono sempre in abbondanza e li porti via con pochi punti, ma non posso mettere a tavola merendine o panettoni (dopo Natale i panettoni riempiono tutti gli scaffali!). Sono molto grata per l’aiuto che l’emporio mi dà, ma certo se potessi scegliere non sono queste le cose che vorrei mettere nel carrello: l’olio non c’è quasi mai, e quando c’è costa davvero tanti punti, e allora devo preferire altro, ma anche i cereali ci sono pochissimo o i legumi. Fresco e verdure? No, quelle non le ho mai viste, credo proprio che non sia possibile averle!

Approfondimento 02

Attualmente non esistono dati oggettivi e certi sulla qualità nutrizionale e sull'adeguatezza degli alimenti forniti dalle organizzazioni caritative. I volontari intervistati, tra i partner della Fondazione Comitans ETS, hanno sottolineato la mancanza generale di cibo nutrizionalmente appropriato per madri e neonati e in generale per famiglie con bambini piccoli. Esattamente quel gruppo di individui che maggiormente necessiterebbe di una nutrizione sana, anche per diminuire il rischio dello sviluppo futuro di malattie non trasmissibili (malattie cardiovascolari, diabete, cancro tra le più comuni).

Approfondimento 01

Esiste una correlazione diretta tra povertà, insicurezza alimentare e il triplice onere della malnutrizione (denutrizione, carenza di micronutrienti e overnutrizione) tuttavia mancano dati specifici, in particolare per quanto riguarda i bambini europei. Le prove hanno dimostrato che l'origine evolutiva di molte malattie croniche non trasmissibili si trova nel periodo che va dal concepimento al secondo compleanno. È un periodo critico per la crescita e lo sviluppo: gli interventi durante questo periodo possono avere il maggiore impatto positivo sui risultati sanitari a breve, medio e lungo termine, mentre le carenze nutrizionali possono esercitare i loro effetti più devastanti. L'alimentazione è un fattore ambientale fondamentale che ha un impatto sulla salute può essere controllato, a condizione che siano disponibili e accessibili alimenti sani, nutrienti e adeguati.

Caritas diocesana di Roma

La Caritas diocesana di Roma è un organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine di promuovere la carità nelle Parrocchie e nelle comunità in tutte le sue forme. Fondata nel 1979 da monsignor Luigi Di Liegro per volontà del Cardinale vicario Ugo Poletti, la Caritas è espressione dell’impegno della Chiesa di Roma nella testimonianza di solidarietà verso le persone svantaggiate, per lo sviluppo dell’uomo, la giustizia sociale e la pace.
L’opera pastorale che la Caritas di Roma svolge nell’ambito degli aspetti della carità e della promozione umana si esplica in animazione, coordinamento, assistenza diretta e formazione.